IMG_4356Seminario cinematografico interattivo di 4 incontri: mercoledì 3, 10, 17 e 24 febbraio 2016. Dalle 20.30 alle 23. Presso associazione culturale Philo, via Piranesi 12, Milano.
Costo per 4 incontri 60 euro. Singolo incontro 20 euro. Per info: andrea.arrighi@tiscali.it
Presentazione sintetica del percorso:
In genere si usa dire, come formula ironica per raccontare il senso di una psicoterapia, la sua non breve durata e l’inevitabile fatica che comporta: “se non riesci ad uscire da un tunnel…arredalo!”. Si tratta, in effetti, di soggiornare negli aspetti critici che più ci preoccupano, senza volerli eliminare velocemente. Attraverso la visione quasi integrale di un film specifico, i partecipanti proveranno la sensazione di essere fermi, letteralmente bloccati in una situazione critica particolare. Questa esperienza sarà lo spunto per riflettere sul modo in cui ognuno effettivamente affronta momenti simili a quello raccontato nel film. Attraverso descrizioni scritte dai partecipanti su come affrontare la situazione e “dialoghi immaginari” con i problemi che emergono, ispirandosi al film ma anche alla vita presente e passata di ognuno, si proverà a immaginare un modo per uscire dalla situazione di “stallo” avvertita personalmente come critica.
Il tutto cercando anche di utilizzare , per quanto possibile, quell’ironia che al protagonista del film sembra non mancare. Ironia che permette di guardare in un modo diverso dal solito se stessi e i propri coinvolgimenti in relazioni lavorative, di amicizia e sentimentali.
Il percorso è rivolto a tutte le persone interessate. Non è necessario possedere conoscenze in merito alla psicologia generale. Spunti di riflessione verranno introdotti, in maniera divulgativa ed esperienziale, proponendo concetti della psicoanalisi utili al percorso proposto. Il cinema, attraverso un seminario interattivo, diventa strumento di riflessione e conoscenza di sé , più che di intrattenimento. Anche la scrittura, attraverso il tenere una specie di “diario di bordo” personale dell’esperienza, servirà come strumento per definire e focalizzare sensazioni e dialogare con le proprie immagini interiori. Si richiede desiderio di partecipare attivamente.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *